Nel centro della Ciociaria, sul colle Monte Reo, l'agriturismo Il Giardino dei Mandorli, rappresenta l'anello di congiunzione tra passato e futuro. E' un piccolo borgo di fine 800, costruito su un territorio che faceva parte dei possedimenti della Certosa di Trisulti, come risulta da documenti notarili del 1600. Anticamente questi casali ospitavano famiglie di contadini e allevatori, che vi hanno vissuto fino ai primi anni 90. Durante la seconda guerra mondiale è stata meta di tanti che, per paura o per fame, si rifugiavano sul colle per cercare di sfuggire ai soldati tedeschi. Tante storie girano intorno a questi casali, la più bella forse è una leggenda popolare che narra di un gruppo di briganti, che aveva scelto questo posto come rifugio e nascondiglio. Sembra vi nascosero e sotterrarono una pentola colma di monete d'oro nel punto esatto da cui si scorge in tutta la sua bellezza Civita di Alatri. I contadini e gli abitanti del posto, giurano di aver ritrovato pale e picconi sul luogo? Grazie a un'opera di consolidamento, restauro e conservazione, i casali hanno ripreso forme e stile originari. Le pareti in "pietra a vista" , i soffitti e le travi in legno accuratamente restaurati e lucidati a cera , conferiscono un sapore di altri tempi all'intero ambiente, esternamente circondato da un mandorleto e incoronato da un bosco di cipressi. Il gusto antico si mescola e si sposa con la modernità semplice e al tempo stesso ricercata dell'arredamento e dei colori.